100 minori ogni anno al Polo di Neuropsichiatria del Gamma

Al nostro Civico c’è un’eccellenza, unica nel suo genere nella nostra città: è il Polo territoriale di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza gestito dalla Cooperativa Gruppo Gamma. Un servizio ambulatoriale accreditato dalla Regione Lombardia e a contratto con l’Ats Val Padana. Qui, al primo piano del nostro Civico, arrivano ogni anno – almeno per una prima visita – circa 100 bambini e ragazzi (0-18 anni) con problematiche diverse dell’area neuropsichiatrica. Lo staff è estremamente competente e attento alle persone. A guidarlo c’è il dottor Daniele Arisi, neuropsichiatra infantile, già responsabile dell’Unità operativa competente all’Asst di Cremona. Accanto a lui, quattro psicologi e psicoterapeuti di cui 2 esperti in terapia familiare, un neuropsicomotricista e tre logopedisti. Gli spazi sono accoglienti, riqualificati nel 2012 su misura di bambini e ragazzi, al momento un po’ “svuotati” a causa delle norme anticontagio, ma pronti a ritornare vivi come un tempo appena l’emergenza sanitaria lo consentirà.

 

“Anche noi non ci siamo mai fermati durante questa pandemia – ha detto la responsabile del Polo Emilia Rossi, psicologa e psicoterapeuta – Nel periodo più duro del lockdown abbiamo riconvertito le nostre attività a remoto. Ovviamente alcuni servizi come la psicomotricità o la logopedia sono state compromesse dalla distanza. Ma ora abbiamo ripreso in presenza, con tutti i protocolli di sicurezza e dando la possibilità alle famiglie che lo richiedono, e se le situazioni lo consentono, di mantenere anche la modalità on-line”. 

 

Al Polo si accede su appuntamento tramite il Servizio sanitario nazionale (con la ricetta) oppure privatamente. C’è sempre una prima visita con il neuropsichiatra infantile che poi indirizza bambini e ragazzi con le loro famiglie ai diversi professionisti del Polo in base ad un piano terapeutico. La durata della presa in carico varia a seconda delle problematiche.

 

Molti accedono al Polo per disturbi specifici dell’apprendimento: dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia. “Negli ultimi anni questi casi sono aumentati molto – ci dice la dottoressa Rossi – Sicuramente l’aumento è dovuto anche all’introduzione di un sistema di individuazione di questi disturbi che prima non esisteva”. Altri bambini e ragazzi arrivano per fobie, sociali o scolari, per problematiche causate spesso da eventi particolari come la separazione dei genitori o lutti familiari importanti; alcuni minori giungono per disprassia o fragilità correlate allo schema corporeo, alle coordinate spazio-tempo e al movimento e ancora per sintomi riconducibili all’autismo“L’intervento precoce – continua la dottoressa Rossi – è fondamentale. Specialmente per alcune problematiche prima si interviene, più margini si hanno”.

 

Dialogo con le famiglie e sinergia con le realtà che si rapportano con i minori sono altri due elementi a cui lo staff del Polo tiene particolarmente. “La nostra equipe da questo punto di vista devo dire che non si risparmia – dice Rossi – La famiglia è al centro dei nostri interventi. Noi vediamo i minori per 45/90 minuti alla settimana. Nelle ore restanti la famiglia ha un ruolo determinante. E qualche volta, anche alla famiglia è chiesto di fare un percorso attraverso il nostro servizio di terapia familiare. Altro aspetto è la collaborazione con le scuole, con i servizi sociali, con tutti gli enti che fanno parte del percorso del minore”.

 

Per accedere al Polo Territoriale NPIA della Cooperativa Gruppo Gamma occorre prendere un appuntamento, chiamando il numero 0372 415603/07. Gli ambulatori sono aperti dalle 8.30 alle 16.30 dal lunedì al venerdì e dalle 8.30 alle 13.30 al sabato. Per visite in regime privatistico la fascia oraria è 16.30-19.30 da lunedì a venerdì e 14-17 al sabato.
Categories: